Come creare alias per velocizzare l’uso della shell Linux

29-06-2016 14:50 - Fonte: www.chimerarevo.com

La shell è troppo spesso la bestia nera di molti utenti dei sistemi operativi Linux-based: nonostante ad oggi buona parte del lavoro (che sia ordinario o di configurazione) venga svolto dai vari tool e dai programmi grafici, usare la shell può rivelarsi estremamente salvatempo in molteplici casi, evitando una serie di click sparsi in giro che – volenti o nolenti – portano via un bel po’ di secondi. La situazione tuttavia si complica quando capita di dover riscrivere più volte lo stesso comando da shell, magari accompagnato da una lista di parametri infiniti, cosa che ci porta via non poco tempo (e, se malauguratamente si ha poca memoria, anche svariate letture delle pagine di manuale). Ma è proprio la stessa shell ad offrirci la soluzione a questo piccolo inconveniente, e questa soluzione si chiama “alias”. Un alias altro non è che un altro modo per richiamare un comando: ad esempio, dichiarando l’alias mvd e digitandolo successivamente da shell è possibile eseguire il comando mv -R (comando per spostare una directory intera, inclusi file e sottodirectory presenti in essa), come anche dichiarando e digitando cpd è possibile eseguire il comando cp -R. Ciò significa che, a partire dalla dichiarazione di questi alias, sarà possibile (ad esempio) copiare una cartella digitando cpd vecchia_cartella nuova_cartella anziché cp -R vecchia_cartella nuova_cartella Prima di continuare, è comunque bene specificare che sia mvd che cpd sono alias assolutamente arbitrari  e che ognuno potrà decidere come chiamare e cosa invocare con gli alias. Come creare alias Gli alias utente possono essere dichiarati direttamente all’interno del file ~/.bashrc: per crearli, apriamo un terminale e digitiamo xdg-open ~/.bashrc A questo punto, supponendo di voler aggiungere gli alias mvd e cpd – che rispettivamente “sostituiranno” i comandi ‘mv -R’ e ‘cp -R’ – visti in precedenza, bisognerà ...

- Continua...