Connettività WiFi: uno sguardo ai termini più usati

07-07-2016 11:37 - Fonte: www.chimerarevo.com

Lentamente ma inesorabilmente la modalità di accesso ad Internet è profondamente cambiata: siamo passati dai modem analogici ai modem ADSL, per poi condividere la connessione tra tanti dispositivi con i router e passare, infine, a collegarci ad Internet senza utilizzare un solo cavo. Direttamente dai Paesi anglofoni, per convenzione questa tipologia di connettività (insieme a quella Bluetooth, NFC e via discorrendo) viene definita wireless. Navigare in questo universo però non è sempre facile, anche a causa dell’enorme numero di termini coinvolti. In questo breve ma esaustivo glossario ne spiegheremo alcuni, senza scendere troppo nei dettagli tecnici, per offrire un’infarinatura generale anche a chi non mastica molto bene questo tipo di argomento. Wi-Fi Iniziamo dal principio: la WiFi Alliance è un’organizzazione nata 1999 da alcuni produttori (e non solo) del settore,  fondata per promuovere uno standard unico che potesse dominare la diffusione della banda larga senza fili. E’ proprio la WiFi Alliance ad aver coniato il termine Wi-Fi per denotare la connettività ad Internet senza fili e a detenerne i diritti d’autore. Wi-Fi viene convenzionalmente interpretato come “Wireless Fidelity”, tuttavia le radici di questo termine sono diverse da ciò che sembrano. E, per scoprirle, vi rimandiamo al nostro precedente articolo! Curiosità: cosa significa Wi-Fi? WLAN Sta per Wireless LAN, ovvero rete LAN senza fili. IEEE 802.11 Questo termine è assolutamente onnipresente quando si parla di connettività Wi-Fi. Sebbene la parte IEEE venga spesso omessa (poiché denota gli inventori, ovvero l’associazione internazionale degli Ingegneri Elettrici ed Elettronici – IEEE, appunto), 802.11 denota tutti quegli standard che regolano come i dati debbano viaggiare attraverso le reti WLAN. Nel tempo si sono succeduti diversi standard IEEE 802.11, ve ne proponiamo un breve elenco: 802.11b: lavora nel ...

- Continua...