Pokémon Go: un rischio per la privacy?

12-07-2016 10:51 - Fonte: www.chimerarevo.com

Pokémon Go è il fenomeno del momento: tutti vogliono giocarci, tutti vogliono catturare Pokémon per le strade della propria città. Molti già indicano Pokémon Go come “l’iPhone dei giochi portatili”, un successo culturale ed economico che ha pochi precedenti. Ma dietro tutto questo c’è molto di più: se pensate che Niantic (la società dietro il gioco) guadagni solo dagli acquisti in-app vi sbagliate di grosso. E come sempre quanto c’è qualcosa di gratuito la privacy entra in gioco, con alcuni punti poco chiari sufficienti a far preoccupare chi ai propri dati personali ci tiene in maniera particolare. Pokémon Go: la politica sulla privacy Per capire al meglio il discorso privacy legato a Pokémon Go basta leggere le policy a riguardo, disponibili alla lettura qui in basso. LINK | Privacy Policy Pokémon Go Per riassumere l’app di Pokémon Go raccoglie dati sull’indirizzo email, sull’indirizzo IP della connessione, sull’username e tutti i percorsi e i luoghi visitati tramite GPS. L’app è in grado di raccogliere tramite Cookie e Web beacon tutte le pagine visitate da mobile prima e dopo l’accesso a Pokèmon Go e non è in grado di rispondere positivamente al Do Not Track dei browser: anche attivando questa modalità sui browser verrete comunque tracciati. Sugli accordi di terze parti Niantic fornisce i dati raccolti anche a società legate al The Pokémon Company (“TPC”) ed altre società terze non dichiarate. Privacy a rischio con l’account Google Tutte le caratteristiche elencate sopra possiamo ritrovarle su tante altre app (anche molto famose come Facebook, Instagram e Snapchat), quindi sulla carta nulla di straordinariamente interessante. Ma è sull’associazione con l’account Google che possono nascere seri problemi: se si accede all’app tramite account Google l’app può avere i pieni permessi sull’account Google, specie su iPhone. Per ...

- Continua...