Guardatevi dai concorsi fotografici finti

18-07-2016 09:57 - Fonte: www.fotografareindigitale.com

Avete notato quanti concorsi fotografici vengono lanciati ogni giorno sulla rete? Sapete quanti di questi contest sono concorsi fotografici finti? A tutti noi piace scattare e condividere fotografie. Il mondo digitale ha fatto si che la nostra voglia di farci vedere, commentare, giudicare sia cresciuta a dismisura, in particolare per quanto riguarda le immagini. La condivisione delle immagini su internet (prendiamo per esempio il social network Facebook) è ogni giorno più massiccia, con centinaia di migliaia di fotografie condivise sui più disparati network. Condivisioni che vengono di solito effettuate sulle proprie bacheche, ma anche in contest fotografici dove, si spera, l’immagine postata possa avere una maggiore diffusione. Proprio il settore dei concorsi fotografici è uno dei più insidiosi e quello a cui fare più attenzione: non tutti i concorsi fotografici sono infatti creati con le finalità per cui un contest dovrebbe essere lanciato, molti di essi sono infatti concorsi fotografici finti, nati con l’obiettivo di trarre profitto dal lavoro di altri. La fotografia è molto più popolare di quanto non fosse 10 anni fa e lo stesso vale per i concorsi di fotografia. Ci sono tantissimi concorsi gestiti da riviste, organizzazioni fotografia, club di fotografia, agenzie fotografiche, marchi fotografici. Ma oltre a questi, esiste una quantità enorme di concorsi gestiti da siti web, e-magazine, pagine Facebook o Instagram. La domanda è: questa seconda categoria di concorsi, davvero apporta un contributo al mondo della fotografia o al contrario è un semplice modo per lucrare alle spalle di persone che vogliono solo farsi conoscere e far conoscere il proprio lavoro fotografico? Un modo semplice per questi concorsi fotografici finti per guadagnare denaro, ad esempio, è quello di imporre una tassa di iscrizione, anche piccola. Prima di tutto, sottolineo che non sto parlando in questo post di concorsi fotografici  quali il National Geographic ...

- Continua...