Inateck USB 3.0 docking station per dischi SATA: la nostra prova

19-07-2016 15:17 - Fonte: www.chimerarevo.com

Di solito si tende a pensare alla perdita completa dei dati quando un PC o un notebook si rompono. Questo di norma succede quando è il disco a dare problemi ma, se il malfunzionamento è altrove, il fatto che il dispositivo non si accenda più non significa che i dati siano persi. Basta smontare il disco dal dispositivo non più funzionante e, utilizzando un adattatore, collegarlo ad un PC, notebook o tablet con OTG per procedere al recupero dati. E’ questo l’obiettivo che Inateck cerca di raggiungere con la sua docking station USB 3.0! Di fatto, si tratta di un piccolo box che permette di inserire al suo interno dischi SATA I, SATA II o SATA III e di collegarli direttamente al PC o notebook utilizzando un cavo USB. La particolare forma di questo cubo, dotato di uno sportellino pieghevole, permette di inserirvi comodamente ed in perfetto equilibrio sia dischi da 2.5″ (in genere quelli dei notebook o gli SSD) sia dischi da 3.5″ (in genere quelli dei PC desktop). La docking station di Inateck è dotata posteriormente di attacco per l’alimentatore in dotazione e per il cavo USB 3.0, che garantisce la massima velocità di trasferimento se collegato ad una porta della medesima categoria. Sulla facciata anteriore, inoltre, un tasto per l’accensione e lo spegnimento del dispositivo ed un LED indicatore. Il device supporta inoltre l’hot swap – ovvero la funzionalità che permette di cambiare i dischi mentre è acceso, tuttavia è prassi espellere/smontare il disco tramite l’apposita funzionalità del sistema operativo per rimuoverlo in sicurezza ed evitare perdite di dati. Vi consigliamo, inoltre, di prestare attenzione alla rimozione di dischi interni da 3.5″ e di assicurarsi che la temperatura non sia elevata prima di toccarli – cosa indipendente dal box e che potrebbe succedere per lunghe sessioni di trasferimento. Tutto sommato si tratta di un dispositivo buono che ...

- Continua...