5 lezioni da Alex Webb sulla fotografia

26-09-2016 07:30 - Fonte: www.fotocomefare.com

Se dovessi pensare ad un fotografo contemporaneo che ha influenzato, più di altri, la fotografia di strada, questi sarebbe certamente Alex Webb. D’altra parte il fotografo americano (è nato a San Francisco nel 1952) è oggi considerato unanimemente uno dei più grandi esponenti di questo genere fotografico. Nato in una famiglia di artisti (padre scrittore, giornalista e fotografo, madre scultrice, fratello insegnante di pittura), Alex Webb inizia ad approcciarsi alla fotografia intorno ai 10 anni, spinto dal padre. In verità, l’esperienza con la camera oscura non lo entusiasma particolarmente: “A dieci anni ho imparato la tecnica della camera oscura. Non mi è piaciuta molto, e per cinque anni mi sono dedicato ad altre arti”. La pittura di De Chirico in particolare svolge un ruolo importante nella sua formazione: “Da giovane mi sono anche appassionato a De Chirico, mi è sempre piaciuto; e se si guardano le mie fotografie credo si veda bene l’influsso della pittura, e in particolare della sua: l’uso dei blocchi, dei cubi, il modo di inserirli nell’inquadratura, tutto questo è influenzato dalla pittura”. I blocchi, appunto. Uno dei tratti riconoscibili della fotografia di Alex Webb è proprio la particolare complessità della composizione. All’interno di una sua foto, spesso sono riconoscibili più scene che comunicano tra loro. Una sorta di “composizione a strati”, vero marchio di fabbrica di questo grande fotografo di strada. Un altro tratto caratteristico è l’uso accentuato del colore. Ma non è stato sempre così. Alex Webb inizialmente scatta in bianco e nero, ma tutto cambia dopo un suo viaggio ad Haiti. È la metà degli anni 70 e il fotografo americano è ad un bivio: “Nel 1975, ho raggiunto una sorta di vicolo cieco nella mia fotografia. Stavo fotografando in bianco e nero il panorama sociale americano del New England e dintorni di New York – parcheggi desolati abitati da figure umane sfuggenti, smarriti, in cerca dei bambini ...

- Continua...