Ubuntu 16.10 stabile è ufficiale: novità e download

14-10-2016 10:19 - Fonte: www.chimerarevo.com

Puntuale come da release schedule, durante le ore pomeridiane di ieri Canonical ha rilasciato Ubuntu 16.10 Yakkety Yak stabile. Nelle ore seguenti, a catena, le community dedicate ai flavor hanno rilasciato le ISO stabili di essi! Ieri è stato, dunque, il giorno di Ubuntu 16.10, Kubuntu 16.10, Xubuntu 16.10, Ubuntu Kylin 16.10, Ubuntu MATE 16.10, Ubuntu GNOME 16.10 e di tutto il resto della famiglia! Tutte le distribuzioni hanno a bordo il nuovo kernel Linux 4.8 con conseguente supporto per tutto il nuovo hardware introdotto ma, di fondo, non ci sono stravolgimenti né particolari novità rispetto alla scorsa LTS di aprile. Trattandosi di rilasci intermedi, tutte le distribuzioni della famiglia 16.10 avranno supporto pari a 9 mesi. Ubuntu 16.10: guida completa post-installazione Senza perderci in ulteriori chiacchiere vediamo cosa questo rilascio può offrire di bello ai suoi utenti! Ubuntu 16.10 Come già annunciato sono poche le novità in Ubuntu 16.10: la più importante, oltre all’introduzione di Linux 4.8, è probabilmente l’installazione predefinita della sessione sperimentale Unity 8+Mir. Dunque potrete scegliere di usare il nuovo desktop senza installare pacchetti aggiuntivi; questo, ovviamente, a patto che la vostra scheda video supporti il nuovo display manager Mir. Per quanto riguarda Unity 7, invece, i pacchetti GNOME-based sono stati aggiornati allo stack di GNOME 3.20/3.22; a bordo del sistema operativo le versioni aggiornate di Firefox (49) e LibreOffice (5.2), entrambe basate sullo stack GTK3. Niente da far eper Mesa: il server è rimasto Mesa 12.0, poiché la versione successiva non è stata rilasciata in tempo; nessun supporto predefinito per Vulkan: questo può essere però aggiunto installando i pacchetti vulkan-utils e mesa-vulkan-drivers. Infine, solita carrellata di bugfix e correzioni del codice. Di seguito il link per il download dell’immagine ISO: DOWNLOAD | Ubuntu 16.10 Yakkety Yak Xubuntu 16.10 Citando il ...

- Continua...