MERGE-it 2018, com’è andato il primo incontro delle Comunità Open

06-04-2018 09:37 - Fonte: dariocavedon.blogspot.com

It's a beautiful day! #mergeit #mergeit18 #ubuntu #torino #politecnicoditorino https://t.co/EFxFKnUnyp pic.twitter.com/k6JiUuadXy— Dario Cavedon (@dcavedon) 24 marzo 2018Sabato 24 marzo si è svolto a Torino il primo MERGE-it, il primo incontro delle Comunità italiane che si dedicano all’Open Source, Open Data e Open Culture. Le comunità presenti erano praticamente tutte (quelle che conosco): ubuntu-it, Debian, LibreItalia (LibreOffice), Mozilla Italia, Wikimedia (Wikipedia), OpenStreetMap, GFOSS.it, Spaghetti Open Data e ovviamente ILS, organizzatore dell’evento. L’evento si è svolto presso la Corte Interrata del Politecnico di Torino, una gran bella location, con una serie di aule disposte sui due lati di uno spazio verde, nelle quali ogni comunità ha trovato il proprio spazio. Accoglienza Il team di accoglienza <3 #mergeit18 pic.twitter.com/vyoicUDSz3— Spaghetti Open Data (@spaghetti_folks) March 24, 2018 Per l’accoglienza, c’era un banchetto all’entrata, non era richiesta la registrazione, ma si potevano acquistare le magliette e gadget dell’evento. Ubuntu-it era in un'aula assieme ai cugini di Debian Italia, che ormai conosciamo da anni, condividendo molto di più che pacchetti “.deb”. Il programma della giornata Siamo pronti! @ubuntuit #mergeit18 pic.twitter.com/YcTBr24UTD— Dario Cavedon (@dcavedon) March 24, 2018In ogni aula si svolgevano talk delle comunità, e alcune avevano colto l’occasione per fare la propria assemblea oppure discutere delle prossime azioni tutti assieme. Nella sala ubuntu-it, i lavori sono iniziati con un fuori programma: la presentazione delle “vending machine” utilizzate dalla Regione Lombardia per il referendum sull’autonomia, e donate poi alle scuole Lombarde. La particolarità di questi computer consiste nel fatto che montano il Ubuntu, e sono un ottimo metodo perché l’open source entri nei cuori dei professori. Ci riusciremo solo se li sapremo accompagnare nel ...

- Continua...