Come ottenere il bokeh nelle fotografie

09-12-2019 07:30 - Fonte: www.fotocomefare.com

Hai presente quelle foto dove tutto è completamente sfocato dietro al soggetto? In gergo fotografico viene chiamato bokeh, termine di origine giapponese per indicare, appunto, lo sfocato. Ci sono delle leggi fisiche (e ottiche) che ti permettono di decidere quanto bokeh avere nelle tue foto. In questo articolo ti spiegherò su quali parametri devi agire per ottenere l’effetto bokeh tutte le volte che vuoi. Non dovrai più procedere a caso, ma diventerai consapevole delle azioni necessarie per ottenerlo. Attenzione però: ti servirà una macchina fotografica con obiettivo intercambiabile. Una mirrorless o una reflex, per intenderci. Con una compatta o uno smartphone è molto difficile, per non dire impossibile, riuscire ad ottenere un buon bokeh. Ma di questo ti renderai conto da solo, dopo che avrai letto l’articolo fino alla fine. A cosa serve il bokeh? L’effetto bokeh ti permette di ottenere foto in un certo senso più attraenti, perchè: ti aiuta a isolare il soggetto a fuoco, concentrando l’attenzione su di esso (un esempio canonico sono i ritratti); ti permette di “nascondere” uno sfondo brutto, quando non è possibile cambiare prospettiva; conduce lo sguardo dell’osservatore “all’interno” della fotografia, soprattutto quando gli elementi più vicini all’osservatore sono sfocati (pensa, ad esempio, alla foto ravvicinata di una pagina su cui una penna sta scorrendo e in cui il testo già scritto è sfocato); può aggiungere un senso di mistero, un’atmosfera rarefatta alla fotografia; le fonti di luce, se sfocate, assumono la forma di cerchi, ovali oppure poligoni che creano uno sfondo sognante. Questi non sono vantaggi da poco, sarai d’accordo. Lo sfocato porta un salto di qualità nelle tue foto. Allora vediamo I fattori che influiscono sul bokeh L’effetto bokeh si manifesta in presenza di una profondità di campo molto ridotta. Su FotoComeFare ti ho parlato della profondità ...

- Continua...