Da domani nuove regole di comunicazione, ma sulle intercettazioni telefoniche c’è una bufala

26-03-2020 10:00 - Fonte: www.geekissimo.com

Sta circolando su Facebook e WhatsApp una nuova bufala riguardante presunte nuove regole di comunicazione che entreranno in vigore a stretto giro in Italia, con intercettazioni telefoniche destinate a condizionare le nostre vite. Anche con il semplice utilizzo di app tipo Twitter, fino ad arrivare proprio a WhatsApp e Faceboook. Si fa riferimento ad un presunto decreto concepito dal governo, ma secondo le informazioni raccolte è del tutto inventato. intercettazioni telefoniche Nessuna legge renderà più frequenti le intercettazioni telefoniche Un chiarimento importante sotto questo punto di vista è arrivato nel corso delle ultime ore da Bufale.net, secondo cui la notizia relativa ad un provvedimento e ad una legge apposita sulle intercettazioni telefoniche sarebbe stata modificata ad arte con una catena WhatsApp. Sostanzialmente è stato preso un articolo di fine febbraio pubblicato da AGI, per poi capovolgerne completamente il significato. La catena originale la trovate qui di seguito: “Da domani, nuove regole di comunicazione: Tutte le conversazioni verranno registrate. Vengono registrati tutti i registri delle chiamate telefoniche. Tutti i messaggi e le chiamate di WhatsApp vengono registrati. Monitoraggio di Twitter. Monitoraggio di Facebook. Segui tutti i social network e i forum. Tutti i dispositivi sono collegati ai sistemi dipartimentali dei servizi di intercettazione telefonica del governo CDMX. F are attenzione a non inviare messaggi o informazioni non necessari contrari alle leggi e ai costumi. Evitare di condividere informazioni riservate con amici e familiari. Dillo ai tuoi figli e stai molto attento! Molto! È importante trasmettere questo messaggio solo oggi, perché domani ci sarà un altro tipo di osservazione. Incredibile, ma vero. Invia oggi a tutti i tuoi parenti e amici. “Tutto ciò che scrivi o dici può essere usato contro di te, anche qualsiasi battuta!” Per chi non lo sapesse”. Alla fine del messaggio ...

- Continua...