Nel 2021 blocco WhatsApp per tanti Android ed iPhone

11-10-2020 16:03 - Fonte: www.geekissimo.com

Il 2021 sarà ricordato come l’anno del blocco WhatsApp per diversi smartphone Android e tanti iPhone. Una questione, quella che vogliamo affrontare quest’oggi, da noi trattata anche a fine estate, ma che adesso merita necessariamente un approfondimento extra. Tra prodotti aggiunti ed un punto della situazione, infatti, per chi si ritrova con modelli più o meno datati quanto emerso oggi potrebbe fare effettivamente la differenza. Ecco perché alcuni concetti vanno chiariti per il pubblico italiano. WhatsApp Il blocco WhatsApp per nuovi device nel 2021: quali rischiano Fatta questa premessa, occorre infatti esaminare con grande attenzione quali siano gli smartphone che rischiano seriamente il blocco WhatsApp nel corso del 2021. Un contributo estremamente importante sotto questo punto di vista ci è arrivato dal sito Bufale, con cui possiamo fare effettivamente qualche nome specifico. Solo così, infatti, è possibile passare dalla teoria alla pratica, in modo che tutti possano affacciarsi al nuovo anno in piena consapevolezza. Ad esempio, tra i prodotti che rischiano maggiormente troviamo quelli Huawei, in riferimento ai vari Huawei Ascend D Quad XL (U9510E), Huawei Ascend D1 Quad XL (U9510E), Huawei Ascend P1 (U9200), Huawei Ascend P1 S (U9200S) e Huawei MediaPad 7 Lite. Senza dimenticare altri brand popolari, visto che il blocco WhatsApp andrà ad investire anche smartphone come  Samsung Galaxy S2, Motorla Droid Razr, LG Optimus Black e HTC Desire. Alcuni tra i modelli citati hanno riscontrato un successo così grande, da risultare ancora in circolazione nonostante i tanti anni trascorsi dalla loro commercializzazione. A questi, poi, dobbiamo aggiungere anche alcuni modelli Apple pronti al blocco WhatsApp. In questo caso si parla di dispositivi come iPhone 4S, iPhone 5, iPhone 5C, iPhone 5S. Insomma, se usate l’app e vi ritrovate coi modelli menzionati oggi 11 ottobre, occorre valutare l’acquisto di un prodotto più recente. L'articolo ...

- Continua...