Gwibber è rimasto vittima dell'OAuthpocalypse di Twitter

06-09-2010 11:00 - Fonte: www.ossblog.it
Gwibber OAuthpocalypse

Mercoledì 1 settembre era prevista la OAuthpocalypse di Twitter, cioè la fine dell’autenticazione via HTTP per le applicazioni di terze parti in favore del solo protocollo OAuth. Quest’ultimo era già supportato da molti programmi, eppure software come Gwibber fanno ancora uso del primo metodo, che prevede l’inserimento di username e password. Poiché la transizione a OAuth come scelta obbligata per autenticarsi su Twitter ha richiesto del tempo, i problemi con Gwibber si sono presentati soltanto ieri. Fino a 24 ore fa il client ha continuato a funzionare tranquillamente effettuando il login via HTTP. Per fortuna esiste una versione di Gwibber compatibile con OAuth, presente nei repository di Maverick. Chi non utilizzasse ancora Ubuntu 10.10 Beta può avvalersi di un PPA su Launchpad per Lucid che contiene il backport della versione 2.31.91 di Gwibber. Una volta aggiornata l’applicazione è necessario reinserire le credenziali del proprio account di Twitter e autorizzare Ubuntu via OAuth. Il client e le notifiche torneranno a funzionare correttamente. Via | Ken VanDine Gwibber è rimasto vittima dell'OAuthpocalypse di Twitter é stato pubblicato su ossblog alle 11:00 di lunedì 06 settembre 2010.

- Continua...