Vincere la paura di fotografare gli estranei: i ritratti di Federica, lettrice di FotoComeFare

11-04-2013 08:30 - Fonte: www.fotocomefare.com

Nota di Alberto. Poco dopo aver aperto il forum, nella sezione di critica delle foto, una ragazza condivide un ritratto di strada, molto bello (qui il suo post originale). Mi ricorda un progetto che aveva fatto il giro della rete qualche tempo fa. Quando scopro che anche il suo era un progetto, le chiedo se vuole descrivercelo con un post. Mi sembra infatti di grande esempio per qualsiasi fotografo (e scoprirai perché leggendo). Ecco qui il suo post. La ritrattistica di strada è un’ottima introduzione alla street photography, come viene spiegato in dettaglio nel doppio ebook “I fondamenti della street photography” (qui la recensione). Prima di parlarvi del progetto ’8 Marzo’ è giusto presentarmi: sono Federica, 24 anni, vivo a Bergamo e dal 2010 studio fotografia. In questi anni mi sono dedicata soprattutto allo still-life e alla food photography, ma ultimamente mi sto dedicando al ritratto. Il progetto ’8 Marzo’ si collega proprio a questo mio ultimo interesse. ’8 Marzo’ è basato su un’idea all’apparenza semplice, ma impegnativa nella realizzazione, soprattutto se ci si trova in un paese straniero, di cui non si conosce bene la lingua e la cultura. L’idea generale è di fermare per strada gente sconosciuta e chiedere il permesso di far loro un ritratto. Ma partiamo dall’inizio: a gennaio io e il mio ragazzo ci siamo trasferiti per motivi di lavoro a Oxford, in Inghilterra, e lì siamo rimasti per 3 mesi. In questo periodo ho cercato di assorbire il più possibile il mood e le ispirazioni locali per poi scattare, e ho trovato nelle persone i soggetti più adatti a questo scopo. Mi spiego con un esempio: in UK, anche a gennaio, la gente esce come se fosse primavera, fregandosene del freddo, della pioggia e del vento. Sono un po’ matti questi inglesi, ma, fotograficamente parlando, sono molto interessanti. In questo arco di tempo, mi sono ritrovata spesso a passeggiare sola, ...

- Continua...