IP, NAT e Port Forwarding: cosa significano queste parole? [Le lezioni di Jey]

15-04-2013 19:59 - Fonte: www.chimerarevo.com

IP pubblico, IP privato, port forwarding… ma cosa sarà mai questa robaccia di cui si sente parlare soprattutto quando, in casa, si possiede un router? E perchè, sempre quando si ha un router, non è possibile senza ricorrere a configurazioni speciali eseguire determinati programmi (come applicazioni di file-sharing, streaming servers, shoutcast servers e quant’altro)? Vorrei cercare di spiegarvi i concetti di base per rispondere a domande del genere e, perchè no, aiutarvi a capirci qualcosa in questa giungla di termini apparentemente incomprensibili. Siete pronti a buttarvi con me in questa piccola ma simpatica avventura? Bene, procediamo. Indirizzo IP – Cosa è Anni ed anni fa, ma davvero tanti anni fa, un po’ di teste dai cervelli eptadecagonali collaborarono tra loro, dando i natali a quello che è il protocollo TCP/IP: senza dilungarmi in storie e storielle varie, vi dico che la parte TCP (Transfer Control Protocol) si occupa di come i dati vengono trasferiti attraverso la rete, e che la parte IP (Interne Protocol) si occupa di come i vari punti della rete vengono identificati tra loro. Nella fattispecie, l’indirizzo IP è una sequenza di caratteri che identifica univocamente, in relazione alla rete entro cui è analizzato, un qualsiasi tipo di macchina collegata alla rete stessa. In parole povere, diciamo che l’indirizzo IP è l’“indirizzo di residenza, con tanto di civico, del nostro computer/telefono/fotocamera/stampante o chicchessia collegato ad una rete. Al momento esistono due tipologie di indirizzi IP: l’indirizzo IPv4, e l’iindirizzo IPv6. Il primo è formato da quattro terzine di numeri (8 bit a terzina, per un totale di 32 bit), separate da un punto, del tipo 145.21.0.79; il valore numerico di ogni terzina è compreso tra 1 e 255, ossia 245.21.98.114 è un indirizzo IP valido, mentre 187.321.0.4 non lo è; l’indirizzo IPv6, invece, è composto da otto quartine di ...

- Continua...