Il mio obiettivo non mi soddisfa più…

17-04-2013 09:30 - Fonte: www.fotocomefare.com

Nel momento in cui scelsi che macchina da comprare lo feci anche in funzione delle possibili combinazioni fotocamera/obiettivo offerte dal mercato. Mi ero reso conto che il classico 18-55 che davano tutti mi avrebbe stufato presto e allora cercai qualcosa in più. Ovviamente, però, mi stavo basando esclusivamente su ciò che mi diceva la gente o su quello che leggevo su internet. Quindi non avevo ero realmente conscio di cosa mi avrebbe apportato avere un obiettivo piuttosto che un altro. Iniziai con il mio 18-200 senza sapere che foto avrei scattato con 18 mm e che differenze ci sarebbero realmente state se l’avessi fatta a 100 o 200. Dopo un po’ assimilai i concetti di compressione delle distanze. Passava il tempo, scattavo sempre più e, a poco a poco, riuscii a dominare diverse situazioni. Potevo, per esempio, comprimere o dilatare la percezione delle distanze tra gli oggetti. Dopo qualche mese affinai la tecnica ancora di più, riuscendo a fare qualcosa che per me era sbalorditivo: modificare, grazie allo zoom, i connotati di una persona! Quando si scatta con una distanza focale bassa, le distanze sono dilatate. Aumentandola, questa distanza si riduce sempre più. Per esempio, prova a fare una foto da vicino, ad una ragazza, a 18 mm. Poi allontanati e falla a 150 mm. Vedrai gli occhi e gli zigomi meno pronunciati e meno deformati che nel primo caso. Quando imparai a fare una roba del genere mi sono sentito un mago della fotografia… Tutto questo discorso ovviamente non è stato fatto solo per raccontarti le mie sconvolgenti scoperte. È stato fatto per dirti che, se il tuo primo obiettivo copre delle distanze “nella media”, se hai voglia di provare qualcosa di nuovo, probabilmente dovresti orientarti su distanze più “estreme” proprio per provare a dominare nuove tecniche. Ma io, come primo obiettivo avevo già focali fino a 200… Questo mi ha avvantaggiato per tre ragioni. La prima economica, visto che ho saltato il punto in cui ...

- Continua...