Calibrare batteria portatile: guida completa

12-10-2016 10:43 - Fonte: www.chimerarevo.com

In un mondo orientato ormai alla tecnologia mobile e a dispositivi che possono essere usati davvero ovunque, quello della batteria è un problema ricorrente: l’energia a disposizione è limitata e con l’aumentare della potenza dei vari dispositivi, la scorta di potenziale elettrico delle varie batterie si esaurisce in tempo sempre minore. Purtroppo non esistono metodi per aumentare la durata dell’autonomia della batteria del proprio notebook senza intervenire a livello software, tuttavia è possibile far sì che il sistema operativo riconosca la durata residua in maniera corretta, così da limitare al minimo l’eventualità di ritrovarsi il proprio notebook spento o inutilizzabile senza alimentazione da corrente quando il sistema operativo segnala, ad esempio, ancora il 50% di batteria disponibile. Vediamo insieme come calibrare batteria portatile o dei seguenti dispositivi: convertibile 2-in-1 e tablet. Calibrare batteria portatile Calibrare batteria portatile è abbastanza semplice: grazie ad un ciclo di scarica e di conseguente ricarica completa è possibile migliorare – a volte di molto – la precisione con cui il sistema operativo segnala il livello di carica residuo.  Ribadisco ancora una volta che calibrare o ricalibrare la batteria non ne aumenterà la capacita né la durata e non la salverà dalla normale usura causata dall’utilizzo, ma è un metodo piuttosto efficace per evitare brutte sorprese e per far sì che il sistema operativo sia in grado di riconoscere e visualizzare correttamente il livello di autonomia residua. Dopo aver calibrato la batteria è possibile riutilizzarla come di consueto, è tuttavia consigliabile ripetere il ciclo di scarica/carica completa dopo circa 40-50 cicli di ricarica parziale. La procedura di calibrazione non diminuisce la durata della vostra batteria più di quanto succeda con i comuni cicli di carica parziale. Calibrare batteria portatile: procedura L’ideale sarebbe ...

- Continua...